31 ott 2014

Prime impressioni Giardino Cosmetico


Se, come me, siete sempre alla ricerca di prodotti con INCI decente, prezzo medio/basso e ottima reperibilità, non vi sarà sfuggita l'ormai famosa Giardino Cosmetico. Questa marca offre infatti una vasta gamma di prodotti per la cura della pelle e dei capelli che include varie creme e detergenti per il viso e per il corpo, struccante, shampoo, balsamo, detergente intimo e via dicendo. Tutti i prodotti sono bio, certificati ICEA, si possono trovare facilmente nei punti vendita Crai, CAD, Beauty Star, in qualche Tigotà e Acqua&Sapone, non sono testati su animali e, udite udite, i prezzi in media vanno dai 5€ ai 10€!!! (I tre punti esclamativi d'entusiasmo erano d'obbligo.)
In questo post vi voglio parlare, dunque, dei prodotti che ho provato finora e le mie prime impressioni. 


Il detergente viso-occhi senza sapone mi intrigava da tempo e, finalmente, sono riuscita a provarlo. Lo sto usando da meno di una settimana e posso già sbilanciarmi dicendo che è amore. Mi piace perchè deterge bene, purifica, senza lasciarmi la pelle secca. Mi piace il suo effetto rinfrescante e il suo profumo lievemente agrumato che al mattino mi risveglia. Mi piace perchè anche se per sbaglio me ne finisce una goccia negli occhi non inizio a fare smorfie di dolore gridando "ASSASSINI" con gli occhi iniettati di sangue. Non l'ho ancora testato come struccante, ma ho sentito che altre ragazze lo utilizzano anche per levare i trucchi più leggeri. L'ho pagato 4,90€. 


Da portatrice sana di cuoio capelluto grasso quale sono, penso che potrei acquistare qualsiasi cosa con la dicitura "per lavaggi frequenti". Ho scoperto un modo efficace per tenere a bada la mia cute oleosa: alternare uno shampoo più sgrassante a uno più delicato. La scoperta dell'acqua calda, vero? Ecco, questo è il mio shampoo delicato del momento. Non potrei mai utilizzarlo da solo, perchè è troppo poco lavante per la mia tipologia di capello, ma alternato ad uno shampoo che lava a fondo (al momento sto usando quello all'argilla verde di Lovea, fantastico) è perfetto. Non ricordo precisamente quanto è costato perchè l'ho preso un po' di tempo fa, ma credo circa 4€.


Non mi ci vuole molto per capire se un balsamo fa al caso mio, di solito la prima impressione è quella definitiva. L'ho provato 3 volte e mi è sembrato un prodotto abbastanza leggero, adatto a chi non ha i capelli particolarmente secchi. Per me va più che bene, perchè districa senza appesantire, ma per chi ha le punte sfibrate che hanno bisogno di una botta di nutrimento potrebbe essere un po' troppo poco. La consistenza è piuttosto fluida (non ai livelli dello Splend'Or al cocco, comunque) e il profumo  gradevole, non persistente. L'ho pagato 3,90€ e per il momento mi sta piacendo. 



Infine, ecco la crema che ultimamente sto usando tutte le notti. Giardino Cosmetico offre anche due creme per la notte, ma sinceramente non mi sono azzardata perchè avevo paura fossero un po' troppo corpose per la mia pelle mista. In effetti, anche questa, per me che non ho la "pelle secca" come indicato sulla confezione, di giorno potrebbe risultare troppo idratante e inevitabilmente dopo qualche ora (minuto?) credo che la mia zona T finirebbe per lucidarsi. Non escludo però di provarla, magari quando farà più freddo, anche di giorno. Vi terrò aggiornate! Costo: 6,50€. 

Avete provato qualcosa di questa marca? Che prodotti consigliereste/sconsigliereste?

23 ott 2014

One Day


"Good. Here it is. I think you're scared of being happy, Emma. I think you think that the natural way of things is for your life to be grim and grey and dour and to hate your job, hate where you live, not to have success or money or God forbid a boyfriend. […] You're gorgeous, you old hag, and if I could give you just one gift ever for the rest of your life it would be this. Confidence. It would be the gift of Confidence. Either that or a scented candle."

"Bene, ecco qua: mi sa che tu hai paura di essere felice, Emma. Forse pensi che il corso naturale delle cose è che la tua vita sia triste, grigia, cupa, e che ti porti ad odiare il tuo lavoro e dove abiti, rinunciando al successo o ai soldi o, Dio ce ne scampi, a un ragazzo. […] Sei uno schianto, vecchia carampana, e se potessi farti un unico regalo per tutta la vita che ti resta sarebbe un'iniezione di fiducia. Abbi fiducia in te stessa. Un'iniezione di fiducia o una candela profumata, scegli tu."

One Day
David Nicholls
2009
p. 42

22 ott 2014

2 film visti di recente


Il Capitale Umano di Paolo Virzì (109 minuti)

Questo è un bel film italiano da vedere. Diviso in capitoli, proprio come un libro, racconta la stessa storia da diversi punti di vista: quello di Dino, arrampicatore sociale; quello di Carla, tanto ricca quanto infelice moglie del milionario Fabrizio Bernaschi; quello di Serena, figlia di Dino ed ex fidanzata di Massimiliano Bernaschi (figlio del riccone). Un intreccio di storie e di vite che condurrà all'amaro capitolo finale. Mi è piaciuto. Qui trovi il trailer. 


Her di Spike Jonze (126 minuti)

Nonostante le recensioni entusiaste, mi ha lasciato un po' così, non del tutto convinta. Forse avevo troppe aspettative, forse non sono abbastanza "avanti", forse l'ho guardato in italiano e un film del genere, per essere apprezzato del tutto, va guardato in lingua originale. Per quanto mi riguarda, non è uno di quei filmoni che mi rimarrà per sempre nel cuore. Non mi è entrato dentro, non mi ha toccato particolarmente. E' un bel film, fatto egregiamente, non c'è dubbio. La sceneggiatura, i colori tenui, le inquadrature, le luci: è tutto perfetto. Il cast è altrettanto perfetto. Come ormai è risaputo, al centro c'è la relazione amorosa che si instaura tra l'umano Theodore e il sistema operativo intelligente Samantha. E' un film intenso, che più che di tecnologia e del nostro rapporto ossessivo con essa parla di relazioni interpersonali, di solitudine e di dolore. A tratti l'ho trovato un po' troppo lento e, sinceramente, un tantino noioso. Probabilmente, ripeto, da totale inesperta di cinema quale sono, non ci ho capito un bel niente. Potete guardare il trailer (in inglese, forse è meglio) qui.

Sono due film completamente diversi, su questo non c'è ombra di dubbio. Vi consiglio di guardarli entrambi, se non l'aveste già fatto. 

25 set 2014

Promossi e bocciati - settembre 2014

Ecco tutti i prodotti che ho amato/odiato durante il mese di settembre.

Shampoo antiforfora per capelli normali o grassi di Giardino Cosmetico
Bocciato. Sono riuscita a finirlo, ma non mi è piaciuto. Non è abbastanza lavante per il mio cuoio capelluto grasso. Dopo il primo lavaggio mi lasciava una patina oleosa sui capelli (mmmh, bello) e sentivo la necessità di procedere con una seconda applicazione. Pur facendo più passate, non avevo la sensazione di capello pulito a fondo e mi ritrovavo a dover lavare i capelli di nuovo il giorno dopo. Fa pochissima schiuma, sembra essere delicato (fin troppo, direi) e lascia i capelli morbidi, ma per quanto mi riguarda non lo ricomprerò. Ah, se vi danno fastidio i profumi forti e pungenti, io vi consiglierei di evitarlo. 

Gel doccia delicato Vivi Verde Coop
Sì, dai, lo promuovo, mi è piaciucchiato, ma nulla di fantasmagorico. Fa essenzialmente il suo dovere: lava delicatamente la cute senza aggredirla. Il profumo è identico a quello dello shampoo della stessa linea, un misto tra il floreale e il dolciastro, che può stancare dopo un po'. Fa pochissima schiuma. Potrei ricomprarlo perchè è un prodotto naturale, con ingredienti ottimi, che fa ciò che dice e che soprattutto costa poco. Magari lo alternerò ad altri bagnoschiuma dal profumo più piacevole per il mio naso.

Crema Fotoritocco Super CC Cream di Pupa, tonalità medio chiara
Bah. Ancora prima di provarla, questa crema mi stava già sulle scatole solo per il nome. L'ho presa su consiglio di una gentilissima commessa, che mi aveva garantito che questo prodotto mi avrebbe donato un colorito sano senza risultare appiccicoso o fastidioso sulla pelle. Vatti a fidare delle commesse! Da oggi in poi prima di acquistare impulsivamente qualcosa che costa 12€ e che, essenzialmente, non li merita, cercherò di controllare le recensioni che trovo su internet. Questa crema dona un colorito carino alle gambe di noi mozzarelline, ma resta appiccicosa per tutto il giorno e non si assorbe mai completamente. Il profumo poi è fastidiosamente duraturo e troppo forte, per i miei gusti. Non la ricomprerei assolutamente. 

Sugar Scrub e Massage Cream della marca BCL (Bio Creative Labs)
Questi due prodotti mi sono stati regalati da una mia zia in occasione del mio compleanno. Lo scrub mi ha colpito dalla prima applicazione per la sua efficacia e lo promuovo a pieni voti. Ha una consistenza densa, gommosa, esfolia delicatamente senza irritare la pelle del corpo e senza lasciare residui oleosi sulla cute. Il profumo è buonissimo. Per quanto riguarda la crema, la testerò per bene durante questo autunno/inverno perché è bella corposa. La BCL  (Bio Creative Labs) è una marca statunitense, cruelty-free, che io non avevo mai sentito nominare prima d'ora.

Bagno crema Nivea Cashmere Moments
Il profumo di questo bagno crema mi ricorda il profumo che indossava sempre una persona a me cara che ora non c'è più, quindi capirete quanto questo prodotto mi sia piaciuto. Penso lo ricomprerò sicuramente, nonostante l'INCI alquanto penoso e la mia avversione nei confronti della Nivea (questo prodotto l'aveva acquistato mio papà). Lo ricomprerò solo per il suo profumo, che sa di infanzia e di bei ricordi. 

Smalti numero 04 Wine e 15 Jade di Bella Oggi
Due colori bellissimi, molto duraturi, coprenti alla prima passata. Il pennellino è grande, prende bene tutta l'unghia, come piace a me. Lo smalto a destra (il numero 04, Wine) è in realtà un bellissimo color vinaccia che in foto purtroppo non rende. Entrambi promossi!


08 set 2014

3 film consigliati


1. Silver Linings Playbook - Il Lato Positivo
Riuscire a trovare il lato positivo, sempre e comunque, non è facile e non è da tutti. Come dice Pat, ci vuole impegno! Dopo due anni dalla sua uscita, sono finalmente riuscita a guardare questo film. Avevo grandi aspettative, ne avevo sentito parlare benissimo e devo dire che sì, mi è piaciuto. Non è uno di quei filmoni indimenticabili, almeno per quanto mi riguarda, ma è sicuramente l'ideale per passare piacevolmente 122 minuti del proprio tempo. Ho inserito il libro dal quale è tratto nell'infinita lista dei libri da leggere prossimamente. 

2. The Notebook - Le pagine della nostra vita
Credo che qualsiasi film con Ryan Gosling valga la pena di essere visto per ovvie ragioni, quindi sono di parte. Questo è dedicato a chi crede nell'amore che dura una vita, a chi ama profondamente nonostante le difficoltà e le incomprensioni. E' dedicato alle rompi coglioni come Allie e ai romanticoni come Noah, alle coppie che litigano, urlano, arrivano a dirsi cose che non pensano per poi fare pace e amarsi più di prima, per una vita intera. Non nego che verso la fine mi sia scesa mezza lacrimuccia. 

3. The Fault In Our Stars - Colpa delle stelle
Altro che mezza lacrimuccia, in questo caso. Vi ho già parlato della storia di Hazel Grace e Augustus qui, ora non mi resta che consigliarvi di correre al cinema e gustarvi il film. Ve lo ricordo una seconda volta: portatevi i fazzolettini. Okay? Okay. 

01 set 2014

Novecento


"Primo gradino, secondo gradino, terzo gradino. Non è quel che vidi che mi fermò. E' quel che non vidi. Lo cercai ma non c'era, in tutta quella sterminata città c'era tutto ma non c'era una fine. Quel che non vidi è dove finiva tutto quello. La fine del mondo. […] Ma le vedevi le strade? Anche solo le strade, ce n'era a migliaia. Come fate voi laggiù a sceglierne una. A scegliere una donna. Una casa, una terra che sia la vostra, un paesaggio da guardare, un modo di morire. Tutto quel mondo. Quel mondo addosso che nemmeno sai dove finisce. E quanto ce n'è."

Novecento
Alessandro Baricco
1994
p. 55-56

Per questo post ho preso ispirazione da marionhoney e bookswept

26 giu 2014

50 film prima dei 30 anni

A differenza dell'elenco dei libri che è già completo, la lista dei film che voglio assolutamente guardare prima di compiere trent'anni rimarrà aperta e la aggiornerò con il passare del tempo, a seconda dei film che escono e di quelli che penso possano piacermi. Di seguito i primi 10 film che ho scelto di guardare e di cui vi parlerò nei prossimi mesi:

1. Il giardino delle vergini suicide  malinconicamente affascinante
2. Non lasciarmi  bello tanto quanto il libro
3. Il capitale umano  il film italiano meglio riuscito degli ultimi anni, secondo me
4. Her  per me, una leggera delusione
5. Colpa delle stelle  in una parola: kleenex
6. Il lato positivo  sarò l'unica, ma mi aspettavo di più
7. An Education
8. How I Live Now
9. La verità è che non gli piaci abbastanza quanta verità!
10. Ragazzo da parete

11. The Notebook - Le pagine della nostra vita  un classico per le romanticone
12. P.S. I love you  ho pianto tanto
13. Mystic river
14. Revolutionary Road  Kate e Leo together forever, please
15. Il Giovane Favoloso  lento, fotografico, Elio Germano bravissimo
16. Interstellar  il silenzio spiazzante dello spazio
17. This must be the place Sean fantastico, ma mi sono addormentata verso la fine (shame on me!)
18. Eternal Sunshine of the Spotless Mind  Fighissimo!!!
19. Begin Again per una serata tra amiche
20. Prova a prendermi  per una serata con Leo

21. The Imitation Game  profondo e avvincente
22. Selma  tutto ciò accadeva 50 anni fa. Vergognoso.
23. Shutter Island  in tre parole: Leo è Leo
24. Looper
25. The Lincoln Lawyer
26. Jurassic World niente di particolarmente entusiasmante
27. Life un pezzettino della vita di James Dean
28. Room ispirato al caso Fritzl, film meraviglioso (ma non guardate il trailer, mi raccomando!)
29. Paper Towns l'ho trovato molto deludente, noioso, il personaggio di Cara è insopportabile
30. The Duchess tratto dalla storia vera (e triste) della duchessa Georgiana Spencer

31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.

41.
42.
43.
44.
45.
46.
47.
48.
49.
50.

Se avete qualche suggerimento per i prossimi film, lasciatemelo nei commenti!

50 libri prima dei 30 anni

Tra le 30 cose che vorrei fare prima dei miei 30 anni, mi piacerebbe leggere (almeno) 50 libri. Ecco, dunque, la lista con i miei 50 libri da leggere in questi 5 anni. Alcuni di questi sono in italiano, altri in inglese o spagnolo, alcuni sono libri che ho già letto e voglio rileggere, altri invece saranno letture completamente nuove. 

1. Looking for Alaska - John Green
2. Memorie di una geisha - Arthur Golden
3. On The Road - Jack Kerouac
4. Espiazione - Ian McEwan
5. Paper Towns - John Green
6. Ogni cosa è illuminata - Jonathan Safran Foer
7. Innamorarsi a Notting Hill - Ali McNamara
8. Hollywood, Hollywood! - Charles Bukowski
9. La Sirenetta e altri racconti- Andersen
10. L'amore è un difetto meraviglioso - Graeme Simsion
11. Never Let Me Go - Kazuo Ishiguro
12. The Perks of Being a Wallflower - Stepher Chbosky
13. Across The Universe - Beth Revis
14. Il passato è una terra straniera - Gianrico Carofiglio
15. #GIRLBOSS - Sophia Amoruso
16. An Abundance of Katherines - John Green
17. Il maiale e il grattacielo - Marco D'Eramo
18. Molto forte, incredibilmente vicino - Jonathan Safran Foer
19. Cime tempestose - Emily Brontë  
20. Il diario di Bridget Jones - Helen Fielding
21. L'allieva - Alessia Gazzola
22. Hasta siempre, mujercitas - Marcela Serrano
23. Canada - Richard Ford
24. Venuto al mondo - Margaret Mazzantini
25. Onze minutos - Paulo Coelho
26. Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto - Paulo Coelho
27. Forrest Gump - Winston Groom
28. Bestiario - Julio Cortázar
29. Stoner - J.E. Williams
30. L'uomo che allevava i gatti e altri racconti - Mo Yan
31. Middlesex - Jeffrey Eugenides
32. Starter For Ten - David Nicholls
33. Sofia si veste sempre di nero - Paolo Cognetti
34. We Were Liars - E. Lockhart
35. Ti prendo e ti porto via - Niccolò Ammaniti
36. Tender Is The Night - F. Scott Firzgerald
37. Norwegian Wood - Murakami
38. Purple American - Rick Moody
39. Slam - Nick Hornby
40. How To Be Good - Nick Hornby
41. Il buio addosso - Marco Missiroli
42. Senza coda - Marco Missiroli
43. The Great Gatsby - F. Scott Fitzgerald
44. Il dolore perfetto - Ugo Riccarelli
45. Eleanor & Park - Rainbow Rowell
46. How I Live Now - Meg Rosoff
47. La verità è che non gli piaci abbastanza - Behrendt e Tuccillo
48. L'isola di Arturo - Elsa Morante
49. Due di due - Andrea De Carlo
50. To Kill a Mockingbird - Harper Lee 

N.B. Non garantisco che questa resti la lista definitiva, potrei decidere per esempio di sostituire certi titoli con altri che scoprirò nel corso del tempo. Cinque anni sono CINQUE anni, dopotutto. 

30 prima dei 30

Ecco una lista delle 30 cose che vorrei fare prima di compiere 30 anni:

1. Diventare economicamente indipendente.
2. Laurearmi. 02 marzo 2015
3. Iniziare a costruire una famiglia con Ramon.
4. Fare shopping da Ikea per la nostra casa (molto più probabilmente mini-appartamento).
5. Finire di guardare tutte le stagioni di Breaking Bad.
6. Visitare più posti possibili in Italia. (Finora Mantova, Treviso, Trieste, Verona) 
7. Aiutare qualcuno a sentirsi meglio.
8. Portare mia nonna a vedere le bianche scogliere di Dover.
9. Riuscire a indossare un rossetto rosso che mi stia effettivamente bene e non mi faccia sentire "a disagio".  Rossetto #107 Rimmel linea Kate Moss + rossetto #68 Debby 
10. Fare una foto al giorno per un anno. Completato il 31 dicembre 2014.
11. Imparare le basi del cinese e del francese.
12. Leggere 50 libri che potete trovare qui.
13. Guardare 50 film che potete trovare qui.
14. Mangiare prevalentemente sano concedendomi ogni tanto qualche sfizio (con particolare enfasi su quell'ogni tanto).
15. Cercare di risolvere una delicata questione familiare.
16. Scrivere un libro (che dubito farò mai leggere a nessuno).
17. Fare un viaggio in auto con Ramon.
18. Preparare una cena da sola come si deve, dall'antipasto al dolce, per tutta la mia famiglia.
19. Tagliare o colorare i capelli in modo diverso dal solito.
20. Fare delle foto decenti con la reflex.
21. Dipingere un quadro.
22. Andare in vacanza con le mie amiche. Trieste (per ora)
23. Fare una lunga vacanza con mio fratello e il nostro papy.
24. Essere orgogliosa e felice di ciò che faccio.
25. Cercare di mantenermi in forma e essere più tonica.
26. Stampare più foto, incorniciarle e appenderle in giro per casa.
27. Insegnare qualcosa a qualcuno. 2015: lezioni di lingua inglese e spagnola. 
28. Cercare di diventare meno ansiosa e paranoica.
29. Essere d'ispirazione a qualcuno. 26/09/2014: nella cassetta della posta trovo un pacchettino con una lettera bellissima che mi ha fatto commuovere ed emozionare. E' di Betta, una ragazza che mi segue da tempo, che mi ha raccontato un po' della sua storia e mi ha riservato delle parole speciali. Dice che io le sono stata d'aiuto e d'ispirazione, ma io credo che sia stata lei, con la sua forza, ad aver profondamente ispirato me.
30. Continuare a fare video su YouTube (e a scrivere su questo blog) per i prossimi 5 anni.

Ovviamente vi aggiornerò!

05 giu 2014

Deodorante Delicato Vivi Verde Coop


Parliamo di ascelle. Dunque, come tutti i comuni mortali anch'io sudo e puzzo, ma non ho chissà quali problemi di sudorazione eccessiva. Sono passata da qualche anno a deodoranti senza sali di alluminio e mi sono sempre trovata bene (il mio preferito per il momento resta il Derma Zero di Neutro Roberts). Questa volta, però, le mie ascelle dicono NO. 

L'INCI di questo deodorante è ottimo, senza sali di alluminio, parabeni, siliconi, oli minerali, PEG, coloranti e polimeri sintetici: Aqua, Propanediol, Triethyl citrate, Glycerin, Pentylene glycol, Cellulose, Glyceryl caprylate, Polyglyceryl-3 Caprylate, Aloe barbadensis leaf juice, Hibiscus sabdariffa flower extract, Centaurea cyanus flower extract, Parfum, Sclerotium gum, Shimkimic acid, Xanthan gum, Glyceryl undecylenate, Tapioca starch, Sodium phytate.

Ha un prezzo basso, poco più di 2€, un profumo gradevole e si può reperire facilmente in tutti i punti vendita Coop. Il problema è che, su di me, non è efficace. Non dura a lungo e dopo poche ore mi fa puzzare - per la felicità di chi mi circonda. Se mi fa quest'effetto adesso che non è ancora arrivato il caldo, non oso immaginare cosa potrebbe succedere con l'afa di agosto. 

Giudizio finale: bocciato dalle mie ascelle! 

15 mag 2014

2 New Entries

Era da "tanto" tempo che non compravo qualche nuovo prodotto di make-up, tristemente per me e felicemente per il mio portafogli. Sabato scorso sono andata da Tigotà perché avevo finito alcune cose di vitale importanza (balsamo e salviettine intime, per intenderci) ed ecco cosa è tornato a casa con me: 

It had been a 'long' time since I had last bought something new make-up wise, which is kind of sad for me but extremely good for my wallet! Last Saturday I headed to one of my local beauty stores to buy a bunch of products of vital importance - yes, hair conditioner and intimated wipes are really essential in a girl's life. Here's what has recently come home with me: 


Ho swatchato i nuovi blush sfumati di Essence e mi piacciono entrambi, ma alla fine ho optato per il numero 10 Heat Wave, un bellissimo colore acceso e molto pigmentato. So già che sarà il mio blush preferito di questa primavera/estate!

I had the chance to swatch the new beautiful Essence blushes and they're both lovely! I opted for #10 Heat Wave, a fantastic bright shade I'm sure I'll be wearing non-stop during spring and summer.  



Grazie alla promozione di Pupa ho preso questo bellissimo rossetto a 5€, probabilmente il più bel fucsia acceso che abbia mai visto. E' estremamente pigmentato, ma non ho ancora avuto l'occasione di testare la sua durata. Come sapete di solito indosso praticamente solo rossetti nude, ma sto facendo progressi e non vedo l'ora di poterlo mettere!

I bought this bright fuchsia lipstick for just 5€ thanks to a Pupa coupon I had. It's extremely pigmented, but I haven't had the chance to test if it's also long-lasting yet. I usually wear only nude shades, so this is kind of a new thing for me and I can't wait to try it! 

30 apr 2014

Creme Mains Peaux Seches - L'Occitane


Vogliamo parlare di quanto carina è la confezione di questa crema? Peccato che il packaging sia una delle pochissime cose positive di questo prodotto. L'ho trovata scontata a circa 5€ in un corner L'Occitane all'aeroporto di Monaco circa due mesi fa e ho deciso di darle una chance. Nota bene: a prezzo pieno costa circa 7€ per soli 30 ml. Un po' troppo, per i miei gusti. Ed è pure uno dei best-seller di questo brand. Mi è piaciuta? No. Perché? Principalmente perché dopo dieci minuti dall'applicazione le mie mani sono secche come prima. E poi, considerato che l'inci non è dei più verdi in circolazione (da notare il tanto odiato Dimethicone che spicca in quarta posizione), il prezzo è altino per contenere così poco prodotto e il profumo non è particolarmente eccezionale, il mio verdetto finale è: non compratela!

Let's face it: the best thing about this hand cream is its beautiful packaging. Well, at least in my opinion. I found this product while browsing beauty corners in Munich Airport two months ago and as it was on sale for 5€ (it normally retails at around 7€), I decided to take it home with me. I had high expectations because it's renowned for being one of their best-sellers, but I didn't like it. A few minutes after applying it, my hands still feel really really dry and it's like I haven't applied anything. Given that it's not moisturizing, the price is a bit on the expensive side and it doesn't even smell good, my final verdict is: don't buy it!

14 mar 2014

Fotodiario di Chicago #2


1. I 24 piani del nostro hotel erano una cosa assolutamente normale in una città fatta di grattacieli ben più alti. 
2. Il Chicago River ghiacciato.
3. Uno dei simboli della città, il Cloud Gate, che viene chiamato affettuosamente da cittadini e visitatori The Bean, il fagiolone!
4. L'Art Institute è uno dei più importanti musei degli Stati Uniti, con opere di tante epoche diverse. Mi è piaciuto moltissimo, specialmente l'area dedicata agli impressionisti.
5. La Deep Dish Pizza, la pizza "alta" nata proprio a Chicago. Very good! Non è proprio la pizza a cui siamo abituati noi italiani, ma all'estero a mio parere non bisognerebbe mai lamentarsi del cibo e cercare di provare tutte le specialità locali (nei limiti del possibile e del mangiabile). 

10 mar 2014

Fotodiario di Chicago #1


1. Chicago Bulls vs. New York Knicks. Non è una partita, è un vero e proprio show: cheerleaders, musicisti, ballerini, mascotte e toro volante rubano la scena ai giocatori di basket. 
2. Panorama dai 442 metri di altezza della Willis Tower. 
3. Caffè lungo americano con latte e poco zucchero. Di solito non bevo caffè, ma lì era d'obbligo, se non altro per scaldarsi un po'. 
4. Al semaforo, il primo giorno. 
5. La metropolitana di Chicago è molto caratteristica perché è quasi totalmente sopraelevata e permette di osservare gran parte della città dall'alto.

26 feb 2014

Primissime impressioni Lovea

Serata post-esame e pre-partenza in totale relax. Sono tornata a casa soddisfatta, mi sono bevuta un tè, ho fatto una lunghissima doccia con tanto di scrub e cremine varie e ho provato per la prima volta due nuovi prodotti Lovea mentre il mio dolce papà mi domandava (dolcemente, eh) quando avrei smesso di monopolizzare il bagno. 
Non ho mai provato nulla di Lovea, in questo post vi scrivo solo ed esclusivamente la mia primissima impressione dopo un solo utilizzo, quindi non è assolutamente una recensione definitiva e potrei cambiare opinione nel tempo. Lovea è una marca francese che io trovo da Upim. I prezzi sono bassi, la qualità molto buona, i loro prodotti bio sono certificati ECOCERT e non vedo l'ora di provarne altri.


Il primo prodotto che ho accaparrato è lo shampoo purificante all'argilla verde per capelli grassi. Penso di alternarlo a quello di Benecos per fare di tanto in tanto una pulizia più profonda al mio adorato cuoio capelluto con tendenza a ingrassarsi. Il costo è di 3,99€ per 200 ml di prodotto. E' uno shampoo al 98% di origine naturale, senza parabeni, coloranti, siliconi, PEG e con il 10,4% degli ingredienti provenienti da agricoltura biologica. Tutta roba buona insomma. 
Per ora posso dire che:
- Ha un profumo neutro, non saprei dire di cosa (di argilla, forse?). Lo sentite solo applicando il prodotto, non è persistente.
- Non mi ha lasciato il cuoio capelluto irritato, con prurito o fastidi vari.
- Ha lavato bene a fondo e ne è bastata una piccola quantità. 
- Non mi ha lasciato i capelli stopposi o secchi, sono belli morbidi.


Passiamo al dopo-shampoo (perché non "balsamo"? bah) all'argan del Marocco. Sempre 3,99€ per 150ml di prodotto, indicato per capelli spenti e opachi che hanno voglia di brillantezza. 
Per ora posso dire che:
- Ha un profumo delizioso, che ovviamente non vi so descrivere, ma che purtroppo non è rimasto sui capelli. 
- La consistenza è molto fluida, direi simile allo Splend'Or al cocco. Bisogna dosarlo bene e applicarlo su capelli strizzati, come indicato sulla confezione.
- Mi ha lasciato i capelli districati. Non credo, da questa prima impressione, che sia l'ideale per chi ha i capelli secchi e vuole un prodotto nutriente o particolarmente idratante. 
- Non ho visto nessuna brillantezza particolare per il momento, staremo a vedere più avanti.


Avete mai provato qualcosa di questa marca? Che ne pensate?

12 feb 2014

The Fault in Our Stars - Colpa delle stelle di John Green


Cercherò di contenere il mio enorme entusiasmo: penso che questo libro sia semplicemente FANTASTICO. Fa sorridere, ridere, emozionare, riflettere, sperare, piangere. Piangere a dirotto, nel mio caso. Era da tanto tempo che l'avevo inserito nella mia lista di libri da leggere e qualche settimana fa mi sono finalmente decisa a scovarlo alla Feltrinelli, con qualche piccola difficoltà perché non ricordavo che fosse classificato come romanzo per ragazzi. Nonostante parli di due adolescenti e sia indirizzato principalmente ai più giovani, secondo me è una storia adatta a chiunque.

Hazel Grace Lancaster ha 16 anni, un cancro ai polmoni, vive con i genitori e un macchinario che le permette di respirare meglio. Augustus Waters ha 17 anni, osteosarcoma, una gamba in meno. Si incontrano durante una delle tante riunioni di un gruppo di supporto per adolescenti malati di cancro e tra i due scatta subito qualcosa. Iniziano a conoscersi, flirtare, messaggiare, proprio come capita a tutti gli altri ragazzi della loro età, anche quelli senza un passato e presente da malati di cancro.

Non vorrei dire altro, perché ho paura di svelare troppo. Vi basti sapere che non è solo una storia d'amore e non è solo una storia sul cancro, è molto di più. Lo stile è estremamente scorrevole, la trama ti coinvolge a tal punto che non puoi staccare gli occhi dalle pagine. L'ho letto in circa 3 giorni, ma solo perché ho cercato di non divorarlo tutto in una volta e di allungare il più possibile la lettura.


"The fault, dear Brutus, is not in our stars,
But in ourselves, that we are underlings."

"La colpa, caro Bruto, non è delle stelle,
Ma nostra, che ne siamo dei subalterni."

Questa è la frase di Shakespeare che ha ispirato il titolo del libro. La colpa di ciò che accade è delle stelle, del destino, del Fato? O siamo noi i padroni del nostro destino? Io credo che nella vita esistano fortuna e sfortuna. Certe cose capitano perché devono capitare e c'è poco da fare, punto. Ciò non significa che dobbiamo arrenderci e lasciare che tutto vada a quel paese con la scusa del "non ci posso fare niente, è destino". Abbiamo sempre la possibilità di migliorarci, cambiare strada, decidere cosa fare e come farlo, ma, in tutto questo, un bel ruolo lo gioca il destino, la fortuna/sfortuna o quello che è. Questo è il mio pensiero personale e discutibilissimo, ovviamente. 

L'unica cosa che posso aggiungere è: leggete questo libro! Magari fatelo prima dell'uscita del film a settembre, così vi fate una vostra personalissima idea. Tra l'altro, ho già guardato il trailer e non mi vergogno a dire che sono quasi arrivata al punto di piangere nel giro di due minuti. Ma si può? Nel mio caso (disperato), sì.


15 gen 2014

Inspiration: Little Miss Sunshine


"Lo sai cos'è un perdente? Il vero perdente è uno che ha così paura di non vincere che nemmeno ci prova."

10 gen 2014

5 prodotti indispensabili per l'inverno

Quest'inverno, finora, non è stato poi così rigido. Sì, fa freddo, ma non tanto freddo - e a scrivere è una che spesso dorme con pigiama in pile, piumone e duecento coperte. Appena le temperature cominciano a scendere di qualche grado, in ogni caso io faccio immediatamente scorta di prodotti anti-freddo. Alcuni di loro mi fanno compagnia da diversi inverni, altri invece li ho scoperti solo recentemente e mi stanno dando parecchie soddisfazioni.
Ecco qui i miei 5 prodotti indispensabili durante la stagione fredda:

1. Il Thalasso Scrub di Geomar. Sono una fan degli esfolianti per il corpo tutto l'anno, ma in inverno mi ritrovo ad utilizzarli (stranamente) più di frequente. Dopo averne sentito parlare a lungo, ho deciso di comprare anch'io questo famosissimo scrub rimodellante al costo di quasi 10€, un prezzo onesto se paragonato al suo gemello Collistar. Se solo uno avesse la voglia di farlo, comunque, si può facilmente ricreare in casa amalgamando sale, qualunque olio idratante e olio essenziale profumato. Scrubba tutte le cellule morte alla perfezione e rende la pelle liscia e morbidissima, il tutto unito ad un profumo delizioso. Promosso!


2. Burro corpo di Alverde. Devo ringraziare Betta per questo apprezzatissimo regalo! Ha un profumo celestiale di melone e lascia la pelle idratata e profumata a lungo. Onestamente non so come farò senza questo burro quando l'avrò finito, ormai è diventato il mio rituale post-doccia. Amo questa marca, offre prodotti di ottima qualità con buon inci ad un costo piuttosto basso. Spero che prima o poi diventi reperibile anche qui in Italia.


3. Olio secco vegetale al cocco de I Provenzali. I Provenzali non mi deludono mai: l'olio secco al cocco è un prodotto da cui mi separerò difficilmente. Va applicato su pelle umida, non unge, si assorbe velocemente e, come sapete, è difficile che io dica di no a qualsiasi cosa che profumi di cocco.


4. Burro di karité L'Equilibra puro al 90%. Il burro di karité è un prodotto passepartout. Può essere utilizzato come idratante mani, corpo, labbra, gomiti, ginocchia, piedi, capelli e addirittura sul viso (io personalmente non ho mai provato quest'ultima opzione). Io lo uso specialmente la sera prima di dormire per nutrire mani, labbra e tutte le zone più secche del corpo. Oltre al burro di karité presente al 90%, è arricchito con vitamina E, olio di karité e olio di jojoba. Si stende facilmente e idrata a fondo la pelle, io sono già alla mia seconda confezione.


5. Maschera per capelli ai semi di lino e burro di karité de L'Erboristica. Non avendo i capelli particolarmente secchi, non ho mai sentito il bisogno di usare maschere così ricche e nutrienti. Recentemente, però, ho voluto provare qualcosa di più idratante da applicare solo sulle punte e questa maschera mi ha stupito positivamente. Non mi lascia i capelli unticci, idrata benissimo senza appesantire. La utilizzo una volta a settimana come impacco idratante solo ed esclusivamente sulle punte e la trovo ottima!


Quali sono i vostri prodotti preferiti durante la stagione invernale?